palazzo giustizia Brescia

Dipendente comunale rischia 6 anni di carcere per violenza

Era finito in manette a fine marzo. L’accusa, nei confronti di un 58enne dipendente del comune di Brescia, di violenza sessuale e induzione indebita.

L’uomo, addetto allo sportello edile, avrebbe chiesto prestazioni sessuali alle donne e denaro agli uomini in cambio del suo placet sulle pratiche di ricongiungimento famigliare presentate da quattro stranieri tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018. Il pubblico ministero Ambrogio Cassini ha chiesto per lui una condanna a 6 anni e 8 mesi di reclusione. L’impiegato comunale, in attesa di un verdetto, verrà a conoscenza della sua condanna dopo il processo, che avrà luogo il 5 novembre. 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare