borno san fermo trail bazzana

Un Museo per la Fotografia camuna d’altri tempi

(Il lago di Lova a Borno, meta di sportivi e villeggianti che vogliono vivere a contatto con la natura) -Alle ore 10 di sabato mattina 22 giugno a Borno si concretizza un progetto in campo da alcuni anni: l’apertura al pubblco di Villa Guidetti, in via Giardini, dove in 17 stanze della storica residenza estiva troveranno posto circa un migliaio di fotografie d’epoca che danno corpo al Museo della fotografia storica camuna. ..

Dopo la cerimonia di inaugurazione sarà possibile visitare i vari padiglioni sulle cui pareti sono state affisse le fotografie più rappresntative pescate nel nutritissimo archivio fortografico che conta già migliaia di soggetti Il piano interrato è dedicato ai comuni della valle con immagini dal Tonale e dall’Aprica a scendere fino ai comuni di Pisogne, sulla sponda bresciana e di Lovere su quella bergamasca. Ai piani superiori i vari settori dedicati allo sport, ai volti, l lavoro, alle grandi guerre, agli emigranti, alle scolaresche, alla religiosità, divertimenti e altro ancora. Ma quelle esposte sono solo un piccolo riassunto di quanto sarà possibile vedere proiettato su un grande schemo di 65 pollici sul quale saranno visibili a rotazione miglia di scatti. Il Museo, in questa prima fase, sarà possible visitarlo il sabato e la domenica delle ore 17 alle 21, mentre per agosto sono previste ulteriori aperture infrasettimanali. I tre soci fondatori dell’associazione che è proprietaria del Museo, Antonio Martinelli (Presidente), Giacomo Goldaniga (Vice presidente) e Mauro Fiora (Co-fondatore) hanno ripercorso i lungo cammini che ha portato a questo importante ed ambizioso progetto

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”