Un esercito per il Sebino

Tra professionisti e volontari oltre 500 persone vigileranno sulla sicurezza dei turisti che visiteranno l’opera di Christo sul Sebino dal 18 giugno al 3 luglio.

Iniziato il count-down per l’apertura al pubblico della grande passerella dell’artista Christo che consentirà a centinaia di migliaia di persone di passare a piedi sul Sebino. Questo mercoledì il Prefetto di Brescia ha presieduto una riunione con tutte le forze dell’ordine in campo, con i professionisti della sicurezza e con i volontari di Protezione civile, il servizio sanitario del territorio, il sistema di telecomunicazioni e radiocomunicazioni, Trenord, navigazione del lago, sistema dei trasporti pubblici e amministrazioni locali. Il sistema si avvale di una grande sala operativa presso la quale vengono coordinate 8 funzioni: informazione e coordinamento; ordine e sicurezza pubblica; sanità e assistenza sociale; enti locali e servizi essenziali; trasporti, circolazione, mobilità; telecomunicazioni; volontariato e assistenza alla popolazione; servizio meteo. La Prefettura di Bergamo, d’intesa con quella di Brescia coordinerà il contrasto alla contraffazione dei biglietti ma anche delle merci e dei gadget, la sicurezza agli imbarchi ed il volontariato sulla sponda bergamasca del lago. 8 vedette ed un elicottero della polizia, 3 moto d’acqua del carabinieri, 32 gommoni di servizio, 30 uomini delle Forze dell’ordine a terra, 140 uomini delle polizie locali, 20 uomini della Polizia stradale con 8 pattuglie a turno tra Brescia Ovest, Ospitaletto, Rovato e Palazzolo, Vigili del Fuoco con 19 uomini in servizio per ogni turno, oltre 200 uomini della Protezione Civile, una grande sala operativa per assistere e dare garanzie alla folla che visiterà l’opera di Christo dal 18 giugno al 3 luglio.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare