TURISMO

Turismo d’alta quota nell’Altopiano del Sole

La nascita di un vero turismo d’alta quota è la novità che coinvolge l’Altopiano del Sole. Sei, sono i Comuni interessati: Ossimo, Borno, Lozio, Malegno, Piancogno e Angolo Terme. L’obiettivo è di rinforzare quello già presente, mettendo in collegamento e coinvolgendo le strutture ricettive. Un lunedì proficuo, quello di ieri, 17 giugno, per il municipio di Ossimo, dove è stata presentata la nuova brochure “Turismo d’alta quota. Malghe e rifugi”. Nel catalogo, che fornisce informazioni su sentieri e servizi, sono sette le strutture presenti ed aderenti al progetto. Per ogni presidio c’è una scheda descrittiva, con illustrate e descritte le attività svolte, le aperture, gli accessi ed i percorsi nelle vicinanze. La Malga del benessere Zani al Colle di Mignone, i rifugi San Fermo, Monte Altissimo e Laeng, lo chalet Lova e le malghe Mignone e San Fermo, sono i protagonisti di quest’idea, anche se sono molte le strutture interessate ad entrare a far parte del progetto. Un’idea con il fine di espandersi a più realtà possibili dell’Altopiano. Il supporto cartaceo è stato distribuito in tutte le Pro loco ed i Comuni coinvolti. Un passo avanti verso lo sviluppo turistico economico e commerciale per l’intera zona.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”