Strada PAssabocche

Sequestrata strada abusiva a Passabocche

I Carabinieri forestali di Pisogne hanno sequestrato un tratto di strada di circa 100 metri nei boschi di Passabocche costruita su un tracciato diverso da quello autorizzato –

I Carabinieri forestali di Pisogne hanno sequestrato un tratto di strada di circa 100 metri, realizzata all’interno della pineta di Passabocche in località Casaròle, perché non corrispondente al tracciato autorizzato dal Comune. I lavori erano stati richiesti per migliorare il collegamento tra due capanni di caccia e prevedevano l’intervento su un tracciato agrosilvopastorale già esistente, mentre sono stati realizzati in deroga creando un tracciato ex-novo. Non appena avuta la segnalazione di quanto stava avvenendo, i carabinieri forestali hanno emesso l’ordinanza di sequestro con divieto assoluto di svolgere lavori sul tratto interessato, transennando la zona. Per i cittadini che intendono effettuare qualsiasi tipo di intervento il Sindaco di Pisogne richiama l’attenzione al rispetto delle norme esistenti e ribadisce il fatto che gli uffici comunali sono a disposizione per fornire strumenti di conoscenza e dare le informazioni necessarie ad agire nel rispetto delle norme. A Casaròle esiste anche un’area pic-nic che, quasi contestualmente alla denuncia della strada abusiva, ha subito anche un principio d’incendio che poteva degenerare, visto il gran secco di questi giorni. Già qualche giorno prima i carabinieri forestali di Pisogne erano intervenuti in località Ceto per sequestrare un’altra stradina abusiva, di circa 20 metri, realizzata partendo dal nastro di asfalto che sale a Passabocche, verso una struttura prefabbricata posta sul dosso di un prato che funge da casa di vacanza estiva.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare