Premio alle Bande musicali camune

L’Associazione Unione bande musicali di Vallecamonica, di cui fanno parte 19 bande da Pisogne fino a Pezzo, è stata insignita del prestigioso premio “Impronta Camuna” per l’anno 2016.

Il premio consegnato in una bella cerimonia che si è tenuta questa domenica 11 settembre al Palazzetto dello Sport di Ponte di Legno. La motivazione, letta da Roberto Bontempi, presidente dei camuni che vivono a Brescia e comunque lontani dalla Vallecamonica, è dettata dal profondo legame con la valle ed alle sue tradizioni culturali e musicali. Il suono della banda, così tipico e, per le nostre vallate, così specifico, è il segno di una celebrazione corale che accompagna momenti fondamentali di una comunità. Il Presidente di Impronta Camuna, nel celebrare le bande, ha voluto sottolineare l’importanza dell’altra grande pagina musicale camuna legata ai cori. Oltre al Presidente dell’Unione della bande musicali camune, che ha ritirato il prezioso trofeo in bronzo dorato, sono stati premiati presidenti e direttori delle 19 bande con speciale encomio da parte della giuria del Premio. Alla cerimonia di Ponte di Legno erano presenti il Presidente nazionale ANBIMA Gianpaolo Lazzeri con il presidente regionale Paolo Arlati; con loro anche Livio Raineri, Presidente dell’Associazione bande musicali bresciane. Oltre alle onorificenze e riconoscimenti che sono stati attribuiti anche ai tre Presidenti, sono stati ricordati con speciale affetto anche i quattro premi delle precedenti edizioni: all’archeologo Emmanuel Anati, all’Ammiraglio Fabio Binelli Mantelli, al Comune di ponte di Legno ed al Comando Carabinieri di Breno, rappresentato dal Maggiore Salvatore Malvaso. Al termine della cerimonia il Presidente nazionale Anbima ha diretto a bande riunite la marcia Gaia e l’Inno Nazionale.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare