Pista passionale per la morte di Daniela Roveri

Scartata la pista della vendetta da parte dei vicini di casa, riprende quota quella passionale nel delitto di Daniela Roveri, la manager d’azienda uccisa con una coltellata al collo la sera del 20 dicembre nell’androne del palazzo in cui viveva in via Keplero a Colognola.

Le indagini, coordinate dai sostituti procuratori Davide Palmieri e Fabrizio Gaverini, proseguono senza sosta: infatti sono state interrogate e ascoltate 205 persone. L’unico sviluppo dopo la lunga serie di testimonianze è l’allontanamento della possibilità che a uccidere Daniela Roveri sia stato un vicino di casa, magari per una vendetta legata ai posti auto di via Keplero. Al contempo, negli ultimi giorni, sembra riprendere corpo la pista passionale, che era scartata. Il delitto si è consumato in 14 minuti: il killer ha sorpreso la 48enne alle spalle, per poi immobilizzarla e tagliarle la gola con un fendente forte e preciso, che le ha rescisso anche la carotide. La prima pista presa in considerazione è stata quella passionale, con gli inquirenti che la notte stessa del delitto hanno ascoltato a lungo l’uomo che frequentava la manager, un istruttore della palestra in cui si allenava, “Il club” di Azzano San Paolo, che abita a circa 500 metri dalla scena del crimine. Oltre al personal trainer, era stato interrogato a lungo uno spasimante della donna: un amore mai corrisposto. Non è ancora stata scartata nemmeno l’ipotesi professionale, con un possibile movente nascosto nella documentazione dell’azienda in cui lavorava Daniela, la Icra Spa di San Paolo d’Argon, specializzata nella produzione di materiale refrattario. La 48enne, che lavorava lì da circa 20 anni, dopo una lunga gavetta era diventata di responsabile della contabilità. Dall’analisi delle carte aziendali finora non è però emerso un motivo di astio nei confronti della donna tanto forte da scatenare la follia omicida.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

San Fermo Trail si disputa in agosto

San Fermo Trail, dopo un anno sabbatico causa Covid,ritorna domenica 22 agosto sull’Altopiano del Sole con due importanti novità per la vigilia della gara: una

Nuovo logo per promuovere Parre

L’Agenzia Lino Olmo Studio di Onore si è aggiudicata il concorso per la creazione del logo turistico di Parre, lanciato dal Comune della Val Seriana

Incidente, con un ferito, a Pisogne

Un incidente stradale si è verificato nel primo pomeriggio di oggi, sabato 15 maggio,  in territorio di Pisogne Alle ore 14:10, in via Milano un’auto