Carabinieri Brescia

Picchia i genitori perché non gli danno i soldi per la droga

Un tunisino di 20 anni, disoccupato, ha mandato in ospedale suo padre e sua madre, percossi e minacciati con un coltello, perché non gli davano soldi per comprarsi la droga.

Il giovane aveva chiesto insistentemente ai genitori dei soldi per comprarsi una dose: al loro rifiuto, il 20enne si è alterato e ha iniziato a colpire i genitori, che hanno cercato di difendersi come hanno potuto. Il ragazzo, a un tratto, ha anche brandito un coltello facendolo roteare a pochi centimetri di distanza dai genitori, che finalmente sono riusciti a chiamare aiuto. Sul posto è giunta una pattuglia di carabinieri. Il 20enne quando ha visto gli agenti ha gettato via il coltello e ha cercato di fuggire. I militari, però, lo hanno bloccato e, dopo una colluttazione, sono riusciti a immobilizzarlo e a portarlo a Canton Mombello. Il magistrato di turno ha convalidato l’arresto e la detenzione in carcere, in attesa dell’interrogatorio.La madre, 56enne, e il padre, 59enne, sono andati in ospedale a farsi medicare. La donna ha avuto una prognosi di tre giorni, l’uomo addirittura di sette.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

I dati del virus nella bergamasca

Stando all’ultimo monitoraggio diffuso dall’Ats, dal 19 al 25 gennaio in Bergamasca si sono contati 19.191 nuovi casi, contro i 20.969 della settimana precedente, ossia

Il giorno della memoria

Oggi 27 gennaio è il Giorno della Memoria, istituito per ricordare lo sterminio e la persecuzione del popolo ebraico e dei deportati militari e politici