Partiti i cinofili camuni per il terremoto

Si attiva la solidarietà e la professionalità di migliaia e migliaia di esperti nei vari settori per portare aiuto alle popolazioni colpite dal terremoto di questa notte alle 3.36 con epicentro Amatrice e Accumoli nell’alto Lazio, con intensità di 6 gradi della scala Richter ed una profondità di 4 chilometri per cui la scossa è stata sentita da Rimini a Napoli.

Alle 4.40 la prima telefonata della Prefettura di Rieti alla Segreteria nazionale di UST, Unità di soccorso tecnico, con sede a Darfo, che ha siglato un protocollo di intervento proprio con Rieti, e la seconda poco dopo con la richiesta di unità cinofile di soccorso in maceria. Dopo una prima allerta da parte di Areu Lombardia, che ha elitrasportato alcuni cinofili del Soccorso alpino da Sondrio, a Ust è stata fatta richiesta di almeno 3 cinofili che da La Spezia in elicottero devono raggiungere il coordinamento degli interventi in maceria. Intanto 12 vigili del fuoco del comando provinciale di Brescia hanno raggiunto il comando delle operazioni di ricerca, mentre si sta attuando anche la colonna mobile regionale della Lombardia con i cinofili di Orobie soccorso.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché