Nuovi particolari sul delitto di Seriate

Gianna Del Gaudio, 63enne di Seriate, è stata trovata morta nella notte tra venerdì 26 agosto e sabato 27 nella sua casa di via Montecampione al civico 4. La donna, ex insegnante ora in pensione, è stata uccisa con un profondo taglio alla gola.

Dopo le prime indiscrezioni di questo sabato mattina, dove risultava che un giovane della zona sarebbe stato convocato in Caserma dai carabinieri, è emerso nelle prime ore del pomeriggio che proprio il marito Antonio Tizzani, capostazione in pensione, che ha trovato il cadavere della moglie nella notte dando l’allarme, sarebbe indagato a piede libero. Dal punto di vista procedurale si tratta di atto dovuto in modo da consentirgli di chiarire la sua posizione. Con Tizzani gli inquirenti e il magistrato Laura Cocucci, con gli uomini della Scientifica, sono tornati alla villetta per un sopralluogo che è durata circa un’ora. Antonio Tizzani avrebbe raccontato agli inquirenti di aver visto fuggire dalla casa un ladro incappucciato e di aver trovato la moglie in cucina in una pozza di sangue. I carabinieri che hanno effettuato i rilievi non hanno trovato segni di effrazione a porte e finestre. Nella notte il marito era stato portato al comando provinciale di via delle Valli insieme ai due figli Mario e Paolo. Le indagini della scientifica sono proseguite per tutta la notte e anche in mattinata i carabinieri hanno setacciato la villetta e il giardino palmo a palmo alla ricerca dell’arma del delitto.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché