MAroni.jpg

Nuova indagine su Maroni per una consulenza

L’ex presidente della Lombardia, Roberto Maroni, è indagato in un nuovo procedimento per “induzione indebita”.

La Procura della Repubblica di Milano contesta due reati, “induzione indebita” e “turbata libertà del procedimento di scelta del contraente”, per favorire, secondo l’accusa, una donna, l’architetto Giulia Capel Badino, per la quale avrebbe esercitato più volte pressioni sull’allora direttore generale di ‘Ilspa-Infrastrutture lombarde, Guido Bonomelli (anch’egli indagato) “affinché le attribuisse per una cifra sotto 40mila euro – secondo quanto riportato da alcuni organi di stampa – l’incarico di ‘supporto tecnico’ al cronoprogramma del contratto d’appalto della futura ‘Città della Salute’ a Sesto San Giovanni”. “Leggeremo attentamente le carte per valutare la natura degli addebiti – ha replicato il difensore di Maroni, Domenico Aiello – ma allo stato tutte le procedure ci risultano perfettamente regolari”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”