morto incendio casa.jpg

Incendia la casa dove perde la vita il figlio 11enne

Sarà interrogato lunedì mattina alle 9, nel reparto del servizio psichiatrico dell’ospedale di Cremona, dove è ricoverato dopo aver manifestato intenzioni suicide, Gianfranco Zani, l’uomo che giovedì 22 novembre a Sabbioneta ha incendiato la propria casa nel tentativo di vendicarsi della moglie che lo stava lasciando, provocando la morte del figlio 11enne (nella foto: Marco, il bambino morto nell’incendio).

Ad interrogare Zani, assistito dall’avvocato Fabrizio Vappina, sarà il gip di Cremona. “Il mio cliente – spiega il legale – continua a sostenere di non essere stato lui ad appiccare il fuoco alla casa, di non essere entrato e di esser rimasto fuori per seguire i movimenti della moglie. Aspetto di capire cosa sia successo realmente dopo che sarà terminato il lavoro dei Ris. Per ora prendo atto di quanto dice il mio cliente”. Zani è stato informato solo nella notte, nella caserma della Polstrada di Casalmaggiore, della morte del figlio: “io non ero presente – dice l’avvocato Vappina – Mi hanno riferito che non ci credeva”.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Cinema e Cibo: al cinema insieme…

La nuova edizione di “Cinema e Cibo-Cinema insieme…”  promossa dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Pro Loco di Darfo Boario Terme e il Consorzio Turistico Thermae&Ski

Carne, zucca e castagne

A Cascina Clarabella di Corte Franca si apre un ciclo di serate gastronomiche a tema dedicate all’autunno. Le serate si svolgono al ristorante della cooperativa