Tribunale Bergamo

Non risponde lo zio accusato di abuso

Si è avvalso della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Federica Gaudino, l’autista di 43 anni, in carcere per abuso sulla nipote 15enne.

L’uomo è residente in un paese della pianura bergamasca, finito in carcere domenica 25 marzo con l’accusa di aver abusato ripetutamente della nipote, oggi quindicenne. I fatti sarebbero avvenuti dal 2012 al 2016 e l’inizio delle attenzioni morbose risale a quando la ragazza era ancora molto piccola. Negli ultimi tempi si sarebbe decisa a parlare prima con un’amica e poi con un’insegnante che avrebbe sollevato il problema da cui è partita l’inchiesta.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare