Ospedale Piario

Morti sospette a Piario: continuano le indagini

I carabinieri di Clusone hanno consegnato l’ultima informativa sulle indagini fatte da un anno a questa parte sul caso delle morti sospette a Piario.

Secondo i consulenti della procura non sarebbe possibile stabilire un nesso tra le morti all’ospedale di Piario e il sedativo trovato nei corpi dei pazienti. Per quelle morti i sospetti e le indagini si era concentrate sulla capo sala Anna Rinelli: ma dopo la perizia dei consulenti della procura, Anna Rinelli non andrà a processo per omicidio preterintenzionale. Probabilmente le indagini stanno portando verso una riformulazione del reato con possibili nuovi indagati tra i medici. Gli inquirenti restano convinti che la Rinelli abbia iniettato Valium anche là dove non era prescritto, provocando il decesso di più di un paziente. A sostegno della loro tesi ci sono dati, testimonianze e una marea di fiale sparite nel nulla. Il pm Carmen Pugliese sta continuando indagini, ricerche e riscontri.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli