mago zurli

Maga Skymarathon: attenzione al cambio quota del 31 luglio Tre gare per un solo evento

Ad un mese dall’evento in calendario il 2 settembre, scatta il cambio quota per l’iscrizione alle tre gare della Maga Skymarathon: skyrace, skymarathon e ultra skymarathon. L’asd Maga del presidente Davide Scolari lavora a pieno regime in vista dell’11esima edizione.

Promette scintille l’11esima edizione della Maga Sky. Con l’aggiunta della prova ultra, inserita nelle Skyrunner Italy Series, sono in molti gli atleti che stanno inviando il curriculum alla segreteria sperando di essere selezionati per concorrere alla 53,8 km, soprannominata the monster, per la quale verranno accettate non più di 150 persone. Certo è che la ultra non toglierà il fascino alla Skymarathon, gara che concatena le quattro vette della Val Serina – Menna, Arera, Grem e Alben – affrontandone le creste. La Skyrace, molto meno esposta, si rivolge anche ai runner meno esperti, proponendo un percorso ridotto che consente comunque di apprezzare il territorio e i rinomati sentieri che partono dalle pendici del pizzo Arera.

Attenzione alla quota di iscrizione. La tariffa attuale resterà in vigore fino a martedì 31 luglio, poi scatterà l’aumento. Conviene iscriversi adesso: 45 euro per la ultra, 35 euro per la skymarathon e 25 euro per la skyrace. Dal 1.08 fino al 28.08 il costo aumenterà di 5 euro per ciascuna delle competizioni. Infine, dal 29 al 31 agosto, la ultra passerà a 60 euro, la skymarathon a 45 e la skyrace a 35. Tali quote sono comprensive di ricco pacco gara e buono pasto.

L’Asd Maga del presidente Davide Scolari ha già mostrato in due serate l’anteprima di un video sulla storia della Maga, che nella sua interezza verrà presentato qualche giorno prima dell’evento.


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare