Luigi Zeziola compie 100 anni: l’ANMIG lo celebra con una targa e una medaglia d’oro

È stata una cerimonia tenutasi in presenza di pochi intimi quella che ieri pomeriggio ha visto il Cavalier Luigi Adolfo Zeziola insignito con una targa celebrativa e una medaglia d’oro per il suo impegno pluridecennale in qualità di economo e memoria storica dell’Associazione Nazionale Mutilati ed Invalidi di Guerra. Per l’occasione, il Presidente regionale ANMIG gli ha scritto una lettera di ringraziamento.

Nato il 21 dicembre 1920 a Darfo Boario Terme, figlio unico, Luigi iniziò prestissimo a lavorare all’ex Ilva di Darfo, poi Italsider, per aiutare economicamente la madre, Antonietta Zeziola. Fino a quando, nell’ottobre del 1939, una cartolina gli giunse con l’ordine di presentarsi al Distretto Militare di Brescia per il periodo di ferma militare. Seguì il trasferimento a Fano, dove fece una cosa che si rivelò per lui fondamentale nella vita: seguire un corso per utilizzare la radio. Radio che lo accompagnò negli anni a venire e che, nell’estate del 1943, gli salvò la vita in Albania.

Arruolato come fante del Reggimento 94° Fanteria divisione Messina, nel 1943 si trovava in Montenegro in una zona montana. Intorno alle 4 del mattino di un giorno d’estate un aereo tedesco sorvolò la zona per scovare i partigiani: per farsi riconoscere, il Reggimento 94° Fanteria stese un telo rosso con il numero 94. Su una vetta più alta, grazie a del materiale rubato da degli alleati presi in ostaggio, i partigiani distesero lo stesso telo con il medesimo numero. In confusione, il pilota tedesco sganciò una prima bomba a vuoto sui partigiani, e un’altra su quelli che in quel momento erano i suoi alleati, uccidendone 4 e ferendone 21. Tra questi Zeziola, che però, grazie alla radio, riuscì a ripararsi dalle schegge, restando ferito alla mascella e all’orecchio.

Insieme ai feriti venne trasferito al primo ospedale da campo, a Siracusa, dove passò un mese prima di riprendere conoscenza. Quindi il ritorno a Brescia e poi, finalmente, nella sua terra, dove riprese il suo lavoro e si distinse egregiamente per le sue capacità che gli valsero numerose promozioni. Ieri è stata una cerimonia intima anche a causa dell’emergenza sanitaria che non ha permesso di riunirsi numerosi per fargli gli auguri, ma Luigi, circondato dall’affetto di 5 figli, 4 nipoti e 6 pronipoti, ben sa quanto la comunità gli sia grata per il lavoro svolto. Tanti auguri Luigi: altri cento di questi anni.

F.M.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di