Inaugurata la nuova sede ADMO di Valle Camonica

Al giorno d’oggi, il trapianto di midollo non è essenziale solo per le leucemie, ma anche per un numero sempre più in crescita di mielosi del sangue e patologie genetiche. Di conseguenza, l’aumento del numero di pazienti necessita di un aumento di donatori.

Sabato 19 dicembre, ha avuto luogo l’inaugurazione della nuova sede AIDO-ADMO a Esine, in via Mazzini. Una novità importante sia per la realtà locale, che può così ospitare un’altra associazione nazionale, accanto ad AVIS e AIDO, già punti di riferimento per il territorio. Inoltre, anche per ADMO si tratta di una novità importante: una sede in Valle è una possibilità di aumentare l’utenza, di cui si ha sempre bisogno. Infatti, trovare un midollo compatibile è rarissimo e ogni anno i donatori sono solo tra i 10 e i 15. La provincia di Brescia si mostra estremamente solidale, con un numero di volontari che si aggira intorno ai 14 mila sui 460 mila a livello nazionale. Un dato che non è diminuito nemmeno con il Covid: nonostante la regione fosse la più colpita, le tipizzazioni hanno superato le 800, anche grazie alle tre giornate ad esse dedicate. Brescia si è classificata come il miglior centro di donazione in Lombardia, uno tra i primi 10 in tutt’Italia.

«Donare il midollo significa salvare una vita. Quando si cerca la compatibilità è perché le altre strade sono già state tentate, la persona non è che continua a stare poco bene, se non lo riceve muore.»

A sensibilizzare il tema delle donazioni di midollo è Juri Senici, consigliere del distaccamento di Brescia dell’ADMO.

«Il 50% dei casi va a buon fine, ma non c’è sempre un 10% che non ce la fa e non possiamo dimenticarlo. Dietro a numeri e statistiche ci sono persone, spesso bambini. »

Senici si mostra riconoscente per l’ospitalità mostrata dall’Ospedale di Esine in questi anni e guarda con ottimismo alla possibilità di farlo diventare un polo di reclutamento, com’era già stato nel passato. Un altro ringraziamento dev’essere destinato al Rotari Club Lovere-Iseo-Breno che non solo appoggia le varie iniziative promosse da ADMO, ma ha anche fatto da tramite tra l’associazione e l’ospedale.

La donazione del midollo non è solo un gesto di solidarietà, ma un vero e proprio salva vita e la speranza è che il numero di donatori continui ad aumentare.

Maria Ducoli

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La Lombardia rimane gialla

Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha confermato che la Regione resta in zona gialla. “Lo confermano i dati del monitoraggio settimanale della cabina di