Chiara Stefania.jpg

La Alessandri resta in carcere per non inquinare le prove

Il gip Tiziana Gueli ha scritto in 14 pagine il dispositivo che smonta pezzo per pezzo la difesa di Chiara Alessandri, rea confessa dell’assassinio di Stefania Crotti. In questo modo la Alessandri rimane in carcere a Verziano (nelle foto: a sinistra Chiara Alessandri; a destra la vittima Stefania Crotti).

Nel dispositivo, il gip Gueli scrive che la Alessandri «Ha agito con preoccupante freddezza e lucidità e ha dimostrato di possedere la capacità di uccidere, ma l’ha fatto pianificando il delitto nei dettagli e mantenendo il proprio proposito criminoso, ovvero quello di eliminare una donna che vedeva come un ostacolo…Sussiste il grave rischio che, se rimessa in libertà, perseveri nei tentativi di occultare le prove e sviare le indagini». Infatti, Chiara Alessandri è accusata di omicidio volontario e distruzione di cadavere. Continuano, intanto, a trapelare tessera dopo tessera i particolari raccapriccianti folli di un piano che la Alessandri aveva ben in mente per far sparire la rivale in amore, Stefania Crotti, moglie di Stefano del Belo con cui la Alessandri aveva intessuto una relazione, probabilmente finita a ottobre 2018. La presenza di Angelo Pezzotta 44enne amico della Alessandri che avrebbe convinto Stefania Crotti a salire in auto con lui il pomeriggio di giovedì 17 gennaio, poco dopo le 15.00, all’esterno della PMG di Cenate Sotto, azienda dove la Crotti era impiegata, così come il ruolo dell’uomo è tutto da chiarire, soprattutto dopo alcuni sms che la Alessandri gli ha inviato del tipo “E sul più bello spunterà lui”, riferendosi al fatto che, una volta sequestrata la rivale, Stefano del Bello si sarebbe fatto vivo. Angelo Pezzotta quel pomeriggio andò a prelevare Stefania e la portò in auto a Gorlago, nel garage di via S. Rocco di proprietà della Alessandri per una”bella sorpresa amorosa”, come avrebbe detto il Pezzotta; “per un chiarimento definitivo” secondo la Alessandri che aveva premeditato il piano da tempo. Dopo una convivenza di un mese e mezzo con Alessandri, Stefano Del Bello era tornato dalla sua Stefania: un mese fa si erano fatti entrambi un tatuaggio sulla pelle per imprimere la decisione di un nuovo inizio di vita assieme. Qualche ora fa anche Martina, la figlia di 7 anni di Chiara e Stefano, ha saputo che la sua mamma no tornerà più.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Un corso per la cosmesi naturale

Nell’ambito della rassegna “Estate nel Parco 2021”, il Centro Faunistico del Parco dell’Adamello, gestito dall’Associazione LOntànoVerde con il supporto del Parco dell’Adamello e del Comune