L’11 luglio torna il “Giro delle Creste”, la sky del Monte Guglielmo

È stata presentata alla stampa nel pomeriggio di ieri, lunedì 21 giugno, l’edizione numero 14
del “Giro delle Creste”, la sky del Monte Guglielmo, che si terrà DOMENICA 11 LUGLIO sui monti alle spalle del capoluogo di Pisogne.

Una manifestazione che, nel tempo, ha saputo catturare l’attenzione dei più forti runners del
territorio: il percorso, poco meno di 20 km con dilivello positivo di mille metri, è stato
appositamente tracciato per valorizzare le bellezze ambientali e paesaggistiche della
montagna pisognese. Si snoda dai 900 metri di altitudine di Grignaghe – frazione collinare
di Pisogne, punto di partenza e di arrivo – fino ai 200 metri della cima del “Gölem”,
passando da varie località di bellezza incredibile – Passabocche, i Geròni, la Caravina, il
Dosso della Pedalta – gran premio della montagna – il Medelèt – tra boschi e radure, tra
terra e cielo, con vista mozzafiato su tutta la provincia bresciana, sul Sebino e sulla
Franciacorta, sulle prealpi e sulle Alpi.

“Era importante ripartire – ha dichiarato Paolo Spatti, a capo dello Staff organizzativo
dell’evento – e farlo soprattutto in sicurezza, attenendoci al regolamento CSEN. Dopo un
anno di stop forzato, la voglia di tornare a fare sport all’aria aperta era davvero tanta.
L’obiettivo è quello di rimetterci in moto, e farlo alla grande, con l’intento di regalare ai
nostri runners una gara da non dimenticare”.

Il Giro delle Creste fa parte del circuito “Valle dei Segni Mountain Cup”, organizzata dalla
Comunità Montana di Vallecamonica.

INFO&ISCRIZIONI: www.girodellecreste.it
(dal sito è possibile scaricare la traccia GPS del percorso)

SOCIAL: https://www.facebook.com/Giro-delle-Creste

TEL. 349 282 0790 (Paolo)

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in