omicidio campo rom.jpg

L’omicida del campo rom chiede al Gip i domiciliari

Renat Hadzovic, il ventottenne rom accusato dell’omicidio volontario di Omar Ghirardini, sinti, padre di sei figli ucciso nella serata di venerdì a Brescia, in carcere ha dichiarato: “L’ho inseguito in auto, volevo spaventarlo, ma non ucciderlo”.

L’uomo è stato interrogato in carcere dal gip Lorenzo Benini che ora dovrà decidere sulla convalida del fermo e sulle richieste dei legali del rom che hanno chiesto gli arresti domiciliari. L’omicidio è avvenuto al culmine di una lite per dissapori familiare, scaturita, sembra, dal mancato invito a una festa. Un coltello, usato per ferire gli autori dello sgarbo e un Suv che punta direttamente sull’uomo con il coltello in mano, lo investe e lo uccide. Era accaduto nella sera di venerdì 3 gennaio a pochi passi dal campo nomadi di via Orzinuovi: la vittima si chiamava Omar Ghirardini, aveva 35 anni, era un sinti che viveva nel campo con i suoi sei figli. A ucciderlo è stato il cognato Renat Hadzovic, 28 anni, rom, fermato all’alba di sabato 4 gennaio dai carabinieri e dagli agenti della polizia locale di Brescia.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Continua la lotta al pesce siluro

Nella Riserva Naturale delle Torbiere del Sebino tornano gli interventi mirati al contenimento del pesce siluro. Regione Lombardia ha finanziato il nuovo progetto messo in