vacanze al mare inconvenienti

Inconvenienti durante le vacanze al mare

E’ in arrivo la stagione in cui molte persone si recano in soggiorno presso località marine, affrontiamo i più frequenti problemi che si possono manifestare in queste occasioni.

Uno dei problemi più frequenti è il contatto con i tentacoli della medusa contenenti delle sostanze urticanti che provocano una reazione infiammatoria cutanea acuta con comparsa di eritema, gonfiore, vescicole e bolle accompagnate da dolore e bruciore. Il primo intervento consiste nel lavare abbondantemente la parte colpita con acqua salata fredda, evitando di farlo con quella dolce che provoca un peggioramento della sintomatologia. Se è possibile, lavarsi poi con aceto o ammoniaca. Nei casi più gravi può essere necessario somministrare anti istaminici o cortisone. Un’altro inconveniente che può accadere al mare è la puntura di riccio di mare. Il riccio di mare vive soprattutto sui fondali rocciosi di solito pungono perchè vengono accidentalmente calpestati e quindi nella grande maggioranza dei casi la puntura interessa la pianta del piede. I ricci di mare rilasciano il veleno attraverso le spine e le pedicellarie, queste ultime sono degli organi prensili che servono al riccio per agganciarsi al suo bersaglio quando si sente aggredito. La prima cosa da fare quindi consiste nel togliere le spine usando una pinzetta. Se non si riesce con la pinzetta, si può tentare versando della cera calda sulle punture rimuovendola appena si raffredda, in questo modo di solito si riesce a togliere anche le spine di più difficile estrazione. Successivamente vanno tolte le pedicellarie per le quali è utile applicare della schiuma da barba usando poi un normale rasoio. Infine bisogna lavare la ferita con acqua calda e sapone, operazione questa alquanto dolorosa ma fondamentale per eliminare altri residui di spine, successivamente ancora si disinfetta con acqua ossigenata o betadine. E’ buona regola poi comunque recarsi in un pronto soccorso per una valutazione medica e per eventuali terapie farmacologiche antibiotiche ed antidolorifiche. Un pesce che molto spesso provoca punture dannose e dolorose è la tracina o pesce ragno. Si tratta di un pesce che vive soprattutto sui fondali sabbiosi, dove spesso si ricopre di sabbia, lasciando sporgere solo un aculeo velenoso presente sul dorso, anche in questo caso quindi la puntura, come per il riccio di mare, colpisce più frequentemente la pianta del piede. Alla puntura segue un dolore molto intenso che dura da poche ore fino a 24 ore, il dolore si irradia fino alla radice dell’arto colpito e spesso si associa a tremori, nausea, vomito e sudorazione profusa, fino ad una vera e propria sincope. Anche parecchi giorni dopo la regressione del dolore possono persistere problemi di insensibilità e di formicolii diffusi a tutto l’arto. Il veleno della tracina è una tossina termolabile inattivata dal calore, per cui il primo intervento molto utile consiste nell’immergere la zona colpita in una bacinella di acqua molto calda, salata o dolce è indifferente, fino al limite della sopportazione, questo consente di ridurre più rapidamente l’intensità e la durata del dolore. Solitamente è però poi necessaria la somministrazione di antidolorifici anche potenti. Ma il pericolo più grande al mare è il sole. Una giusta esposizione ai raggi solari è sicuramente benefica perchè stimola l’attivazione della vitamina D a livello cutaneo, particolarmente importante per la calcificazione delle ossa. Ma un eccesso di esposizione espone agli eritemi e alle ustioni solari che, soprattutto se contratte in età pediatrica e adolescenziale, sono un importante fattore di rischio per il melanoma in età adulta. Importante quindi evitare di esporsi al sole nelle ore più calde che vanno dalle 11 alle 14 quando i raggi solari sono praticamente perpendicolari al terreno, usare crema con filtri solari elevati soprattutto nei primi giorni, bere molta acqua, evitare di assumere farmaci antiinfiammatori o antibiotici, che hanno un effetto fotosensibilizzante. Molto utile un apporto di vitamine antiossidanti come la vitamina C, la E la A ed i carotenoidi contenuti soprattutto nei frutti e verdure di colore arancio (albicocche, meloni, carote). Evitare gli alcolici.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

La casa che verrà

Con un cospicuo investimento la vecchia caserma della guardia di finanza di Breno diventerà un centro all’avanguardia per i disabili con un nuovo social food,

Clusone, la città dei balocchi

Sabato 4 dicembre in occasione della Notte Bianca, Comune di Clusone e Turismo Pro Clusone presentano “Clusone, la città dei balocchi“. A partire dal pomeriggio

Selvino, si avvicina il Natale

Dal 4 dicembre nel cuore di Selvino si accende Il Natale con Il Natale a 1000: mercatini tradizionali e iniziative natalizie per bambini e adulti