Morti A4 Grisignano

Grande dolore per Alessandro e Alex

A Berzo Inferiore e Cividate Camuno la gente è incredula e sgomenta per la scomparsa di Alessandro Bontempi 26 anni e Alex Vintu, 19 anni, i due giovani morti carbonizzati lunedì mattina sulla A4 tra gli svincoli di Grisignano e Padova. I corpi dei due ragazzi verranno restituiti alle famiglie dopo che tutte le analisi e le pratiche burocratiche saranno espletate.

Alessandro e Alex non sono scampati allo scontro tra il furgone dell’impresa Geocam srl di Berzo, di proprietà della famiglia Bontempi, e un mezzo pesante e all’immediato violento rogo che ne era scaturito. I giovani sono morti sul colpo e per liberare i due corpi dai resti carbonizzati dei veicoli ci sono volute ore. Difficilissima l’identificazione e i sanitari hanno chiesto al fratello di Alex di fare il test del dna. Alessandro Bontempi, figlio di uno dei titolari della Geocam, lavorava per l’azienda e come il giovanissimo Alex partiva presto per i cantieri e rientrava solo a sera. Alessando lascia il papà Ruggero, la mamma e la sorella Chiara. Il sindaco di Berzo Inferiore, Ruggero Bontempi, decreterà il lutto cittadino per il giorno dei funerali. Alex Vintu, 19anni compiuti a maggio, aveva iniziato da poco a lavorare nella ditta dove già il padre Octavian era dipendente dei Bontempi e aveva da qualche mese lasciato la casa di Cividate per trasferirsi da un amico a Berzo. Probabilmente era proprio Alex alla guida del furgone. La famiglia Vintu, di origine romena, si è trasferita a Cividate nel 2007: la mamma Jonela che lavora come cuoca e i fratelli Florin di 18 anni e Denise di 11. Il pm di Padova Roberto Piccione, che segue le indagini, ha indagato il camionista tamponato dal furgone dei due camuni, un atto dovuto per poter svolgere tutti gli accertamenti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare