Ecco «Toccare»: percorso sensoriale e di sensibilizzazione su cecità e ipovisione

Appuntamento informativo questa sera, a Berbenno. Serata inaugurale sabato 1 ottobre al cineteatro Ideal. Laboratori dal 1 al 22 ottobre con tunnel sensoriale e cena al buio.

Al via una serie di iniziative per la sensibilizzazione su cecità e ipovisione in Valle Imagna promosse dall’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti di Bergamo in collaborazione con i gruppi AIDO Zona 11 (Almè, Almenno SB, Almenno SS, Berbenno, Barzana, Palazzago, Sombreno, Valbrembo, Valle Imagna e Villa d’Almè).

Primo appuntamento questa sera, ore 20.30, presso la sala della comunità dell’oratorio di Berbenno con una serata medico-informativa sulla cecità, “La cecità si può vincere e si può vivere”, con testimonianze di persone trapiantate e famigliari di donatori e la presenza di un medico specialista in trapiantologia e oculistica.

Sabato 1 ottobre, ore 20.30, presso il cineteatro Ideal a Cepino di S.Omobono Terme, si svolgerà la serata inaugurale dell’iniziativa “Toccare, conoscenza del mondo attraverso l’esercizio della sensorialità”. Da sabato 1 ottobre a sabato 22 ottobre  ragazzi e adulti avranno la possibilità di partecipare a laboratori sensoriali organizzati e seguiti dal personale docente dell’Istituto comprensivo di Paladina. Dal lunedì al venerdì mattino lo spazio sarà riservato alle scuole, mentre ci si saranno aperture pomeridiane e serali per gruppi su prenotazione.

“Questo percorso sensoriale – spiega Tiziano Nava, consigliere di AIDO Valle Imagna e organizzatore dell’evento – è stato proposto in Valle Imagna per una circostanza abbastanza fortuita. Il gruppo AIDO Valle Imagna, del quale sono consigliere, mi ha chiesto se potevamo proporre qualcosa di simile al tunnel che è stato presentato ad Albino nell’ambito di Bergamo Scienza 2015. L’unico problema era la location, che abbiamo individuato nel cineteatro Ideal”.

Nel cineteatro Ideal è stato installato lo stesso “tunnel sensoriale”già visto e apprezzato ad Albino, ma con alcuni extra. “Si tratta – spiega Nava – di un percorso al buio, nel quale si viene accompagnati da un non vedente che ripercorre il ciclo della vita. Il compito dell’accompagnatore è quello di far percepire al visitatore, con il tatto dei piedi e delle mani, le sensazioni che solitamente si hanno con l’utilizzo della vista. Proprio per questo motivo la mostra si chiama Toccare”.

Appuntamento conclusivo sarà la cena al buio di venerdì 21 ottobre, alle ore 20.00, presso il ristornate La Casera di Cepino. Per prenotazioni o informazioni contattare Monica: 338.2206760, Renzo: 339.2403579 e Tiziano: 347.3241866.

 


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli