Oltressenda

Buone notizie per Oltressenda Alta

Due finanziamenti a fondo perduto concessi dal Piano di sviluppo rurale di Regione Lombardia a Oltressenda Alta per la costruzione della strada di collegamento tra due baite e la sistemazione di un tratto della strada silvo pastorale per il Möschel. Nuovo bando anche per l’Ostello di Valzurio.

Il contributo più consistente, di 114 mila euro riguarda la costruzione di una nuova strada rurale di collegamento, di 2,5 chilometri, tra la baita bassa della Verzuda, a 1458 metri di quota e la baita Alta di Verzuda, che sorge a 1831 metri di altitudine, di fronte allo spettacolare spigolo Nord-ovest della Presolana. Le due baite sono state completamente ristrutturate, anche a fini turistici, negli anni recenti e che, con la costruzione della nuova strada, tutto il pascolo comunale della Verzuda acquisterà nuove valenze. Il secondo finanziamento, di 47 mila euro, consentirà di mettere in sicurezza un tratto di strada per il Möschel, appena oltre il «Silter di Ruì» dove si realizzerà a valle della sede stradale un muro di sostegno integrandolo con barriere di protezione. Ora si dovranno completare i progetti esecutivi. Un’altra notizia positiva per Oltressenda: infatti, dopo cinque anni dalla sua inaugurazione, il Comune ha deliberato di indire un nuovo bando per la gestione dell’ostello comunale «Baita Valle Azzurra» di Valzurio. Gestione che avrà la durata di sei anni dal 1° marzo 2018 e che comporterà una quota di affitto pari a 6.500 euro all’anno. L’aggiudicazione sarà fatta con il criterio dell’offerta più vantaggiosa, ma verranno anche considerate precedenti esperienze nella gestione degli ostelli. Le offerte dovranno pervenire in Comune di Oltressenda Alta entro le ore 12 del 4 dicembre. Per info si può telefonare al Comune allo 0346.21524.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare