Infezione meningococco.jpg

A Villongo profilassi a tappeto

C’é un nuovo caso di sepsi da meningococco in Bergamasca: è il terzo in meno di un mese. Questa volta di stratta di un uomo di 36 anni residente con i genitori a Villongo, attualmente ricoverato in prognosi riservata agli Spedali Civili di Brescia: le sue condizioni sarebbero molto gravi. Regione Lombardia conferma che si tratta di un nuovo caso di sepsi da meningococco C, batterio che – dicono gli esperti – risulta particolarmente aggressivo, determinando infezioni generalizzate anche gravi.

 

Il cittadino di Villongo ricoverato a Brescia lavora ad Adro alla Oldrati group: nei giorni scorsi, stando alle prime ricostruzioni, pare abbia iniziato ad accusare febbre e irrigidimento al collo, fino ad essere ricoverato sabato in gravi condizioni al Civile. Il sindaco di Villongo Mariella Ori Belometti, insieme all’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera, annunciano di aver già avviato le profilassi: a quanto risulta sarebbero 39 colleghi dell’azienda di Adro a cui è già stata somministrata la profilassi, oltre a 19 familiari del giovane operaio che, pur abitando a Villongo, non è originaria della provincia bergamasca. Solo lo scorso 9 dicembre si sono svolti i funerali di Veronica Cadei, la studentessa della Cattolica di Brescia di 19 anni morta proprio per la stessa infezione. Un paio di settimane fa un’alunna del Serafino Riva di Sarnico di 16 anni, anche lei residente a Villongo, era stata ricoverata al Civile, colpita dalla medesima patologia e fortunatamente oggi in via di guarigione. Tre casi in meno di un mese, dunque, fra persone che non avrebbero avuto contatti diretti fra loro. Regione Lombardia ha annunciato una campagna vaccinazioni a tappeto per i cittadini di Villongo: «Oltre alle operazioni di profilassi antibiotica – precisa l’assessore Gallera – che hanno già coinvolto familiari e conoscenti, abbiamo deciso di estendere il piano di offerta vaccinale avviato a seguito dei primi due eventi: stiamo già procedendo a contattare direttamente e personalmente tutti i giovani residenti di età compresa fra gli 11 e 25 anni, ed ora pensiamo di coinvolgere i medici di base per formulare la proposta di vaccinazione alla popolazione fino a 50 anni. Siamo in stretto contatto con l’Istituto superiore di sanità con cui abbiamo condiviso le linee d’intervento e gli approfondimenti necessari». Insieme al sindaco Belometti l’assessore regionale sta inoltre «valutando l’apertura di un ambulatorio straordinario a Villongo, in locali che verranno definiti nelle prossime ore a cura dell’Agenzia per la Tutela della Salute di Bergamo, per procedere a sedute aggiuntive di vaccinazione». Nel frattempo sono state confermate le aperture aggiuntive del presidio di Sarnico dell’Asst Bergamo Est (in Piazza Libertà 37) oggi, il 27, il 30 e il 31 dicembre, il 2 e 3 gennaio dalle 9 alle 12 con accesso libero. In seguito ai primi due casi di meningococco C, era già stata avviata la profilassi per oltre 400 contatti delle due giovani studentesse di Villongo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli