A Darfo Boario Terme torna “Un fiore nel piatto”

Fiori eduli ed erbe spontanee saranno i protagonisti della terza edizione del concorso gastronomico “Un Fiore nel Piatto” proposto dall’amministrazione comunale di Darfo Boario Terme, nell’ambito di “Darfo Boario Terme in Fiore 2016”. La manifestazione si svolgerà nei giorni di sabato 30 aprile e lunedì 1 maggio, con l’intento di valorizzare la natura e il territorio della Valle Camonica.
Il concorso “Un fiore nel piatto”, aperto a tutti i ristoranti delle province di Brescia e Bergamo, ha visto un duplicarsi delle domande di partecipazione da parte di ristoratori provenienti anche dalle aree più lontane. Venti i piatti che sono stati selezionati per essere presentati alla Giuria presieduta da Edoardo Raspelli; tra loro saranno individuati un antipasto, un primo, un secondo e un dessert che comporranno il “Menù floreale 2016”, che sarà gustato nella serata di gala realizzata dagli chef vincitori all’Istituto Alberghiero Olivelli-Putelli di Darfo Boario Terme.
Al tavolo della giuria anche la modella attrice Maura Anastasìa, per antonomasia “L’Amica degli Animali”, Anna Vaglia, membro dell’Associazione Italiana Sommelier, Cristian Spagnoli, vincitore di Global Chef Challenge, Giuseppe Dada, Quality director of Ferrarelle SpA, oltre al dirigente scolastico Antonino Floridia e agli insegnanti Ivan Dossi e Salvatore D’Urso.
Sarà presente, come visitatore d’eccezione, il Flower Designer Alberto Menegardi, che regalerà alla cena di gala composizioni floreali inerenti ai piatti vincenti .
La selezione tra le 20 ricette finaliste avverrà oggi, martedì 19 aprile, dalle 14.30 all’istituto alberghiero Olivelli Putelli di Darfo Boario Terme (in via Ubertosa 1). La premiazione si svolgerà nella stessa sede in un gala, la sera di lunedì 9 maggio.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare