sei defibrillatori dae a san vittore olona

Zogno sempre più sicura, ora è «cardio-protetta»

Zogno sarà più sicura anche per le urgenze cardiache. Ora il capoluogo brembano può definirsi un comune «cardio-protetto», grazie ad un progetto avviato nelle scorse settimane dal vicesindaco del Comune di Zogno in collaborazione con la società DSS Italia Medicali Srl di Curno. Il progetto promosso dal privato e proposto a Palazzo Rimani ha portato alla stipula di una apposita convenzione nel mese di aprile, e avrà una validità di dodici mesi.  

Al Comune di Zogno è stato già consegnato un primo defibrillatore, il modello è DAE semiautomatico Tecnohearts Plus, completo di sacca di trasporto e garanzia di legge del produttore. Grazie poi alla partecipazione degli sponsor locali al Comune verrà consegnato successivamente un ulteriore defibrillatore. I due apparecchi saranno riposti in un luogo pubblico all’interno di due totem pubblicitari dotati di una apposita teca termo-regolata con antifurto nelle quali saranno disponibili per le emergenze i defibrillatori. I totem saranno collocati in spazi ben visibili per consentire la massima conoscenza e sensibilizzazione alla comunità del progetto. L’amministrazione comunale predisporrà il basamento e l’allacciamento elettrico. La manutenzione sarà a carico dell’ente privato per i prossimi cinque anni.

«Una bella opportunità per fare del bene alla propria comunità», è stato il commento di Gandelli, rappresentate della DSS Italia Medicali. «E l’opportunità per migliorare anche la sicurezza del nostro comune», ha aggiunto il vicesindaco del Comune di Zogno Giampaolo Pesenti.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare