Parco Fiume Brembo9

Zogno, arriva l’altalena dei bambini disabili «Per una comunità sempre più inclusiva»


Finalmente i bambini potranno giocare tutti insieme. Nessuno escluso. E se questo sarà possibile è grazie sopratutto alla collaborazione tra il comune di Zogno e del club Brembano dell’associazione umanitaria Lions Club International. È prevista infatti al parco sul Brembo di Zogno l’istallazione di una altalena per bambini portatori di handicap. I lavori per il posizionamento dell’infrastruttura sono partiti ai primi di agosto e saranno completati entro settembre.

Il costo totale dell’investimento congiunto ammonta a circa 12 mila euro. È il Lions Club brembano ad essersi occupato dell’acquisto dell’altalena. «Il tutto è stato possibile grazie alla raccolta fondi organizzata tramite il service di una gara di sci con gli altri due club Bergamo – San Marco e Treviglio Fulcheria − ha affermato Pierluigi Viviani, presidente del sodalizio Brembano Lions Club −. Poi la decisione di devolvere il contributo nell’aquisto dell’altalena alla comunità di Zogno, anche in corrispondenza della recente riqualificazione del parco». Al comune di Zogno invece spetterà l’onere di portare a termine tutte le opere di finitura e completamento. «Tra queste − ha spiegato l’assessore delegato ai Lavori Pubblici del comune di Zogno Enrico Mazzoleni −, ci sono la realizzazione del vialetto di collegamento e di raccordo con la piattaforma, la recinzione e tutta la cartellonistica. Quest’opera − sottolinea l’assessore Mazzoleni −, è una integrazione con tutto ciò che è stato fatto con l’intervento di restyling recentemente completato». 

Nell’arco dell’ultimo anno sono stati investiti sui parchi comunali circa 200 mila euro. Quello del parco sul Brembo è stato un intervento di riqualificazione completo, i lavori sono partiti nel settembre scorso e la riapertura del parco al pubblico è stata possibile lo scorso 18 marzo dopo sei mesi di cantiere. Per le opere edili hanno lavorato l’impresa Brozzoni e Sportissimo, la Maver per gli impianti d’illuminazione e la PEI System per i sistemi di videosorveglianza. I lavori per l’istallazione dell’altalena verranno appaltati a breve.

I recenti interventi hanno permesso il rifacimento di tutti i vialetti di collegamento ai giochi, la rimessa a nuovo delle panchine, l’applicazione di cestini per la raccolta differenziata, il posizionamento di nuovi giochi con anti trauma e tavoli con panche, l’istallazione di telecamere per la sicurezza, nuova illuminazione e cartellonistica ma sopratutto l’abbattimento delle barriere architettoniche. È inoltre presente uno spazio dedicato appositamente per eventi ludici. «Abbiamo realizzato questi interventi cercando di creare un ambiente adatto a tutti e pensando al valore della famiglia», ha sottolineato l’assessore delegato all’Ambiente Selina Fedi.  

Un valore condiviso anche dal settore sociale: «L’opera è un messaggio più che una infrastruttura dedicata, un messaggio inclusivo all’interno del contesto del parco dove regna la spensieratezza e l’allegria dei  bimbi − ha aggiunto il delegato ai Servizi Sociali e Famiglia Claudio Sonzogni −. Ci tenevamo creare una zona dove tutti potessero divertirsi, un parco senza barriere. È un messaggio di educazione civica che parte da chi per primo utilizza il parco. Quindi, a partire dai bimbi. Invitiamo davvero tutti i bambini e le famiglie dei paesi limitrofi della valle ad usufruirne di questo spazio».

 

Federico Marzullo


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare