Yuri Etna Stelvio

Yuri si racconta: «Così ho nuotato e pedalato dall’Etna allo Stelvio»

 
 
 
Ha attraversato l’Italia percorren­do la bellezza di oltre 1500 chilometri in sole 100 ore no stop, e lo ha fatto partendo da «a’ Muntagna», l’Etna, attraver­sando a nuoto tutto lo stretto di Messina che divide la Sicilia dalla Calabria (3,2 km) e poi dritto in volata con la sua bici fino al Passo dello Stelvio, in Alto Adige, a 2757 metri d’altitu­dine. Quella dello zognese Yuri Giupponi, operaio di 24 anni, è stata davvero un’impresa lunga e faticosa che ha “unito” metaforicamente tutta Italia.
 
A raccontarla tutta, dall’inizio alla fine, sarà proprio lui, Yuri Giupponi, in un incontro aperto al pubblico il prossimo 9 dicembre alle ore 20.45 presso la Sala Polivalente delle scuole medie di Zogno. L’incontro è promosso dal CAI (Club Alpino Italiano di Zogno). 
 
L’impresa è l’ennesima di un ciclo, iniziato nel 2014 con la pedalata da Zogno a Roma. Con lui sempre al seguito anche il team di «Testa, Cuore, Gambe»: Andrea Fustinoni (organiz­zatore dell’evento), il fisiotera­pistaDemetrio Ricci, Giovanni Ferrari che curerà i contenuti web (video e foto), Alessandro Gotti e Lionello Rocca supporters tecnici.
 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare