WiFi gratis nei Comuni del Dat Ora internet è a portata di «Famiglia»

Access point in 10 comuni di quattro valli, dalla Valbrembana alla Valsassina. L’attrattività passa dalla rete.

Un nuovo e completo sistema di WiFi gratuito al servizio dell’attrattività di un territorio. È uno dei risultati concreti, legati al distretto dell’attrattività VallinF@miglia composto dai comuni di Zogno (ente capofila),  Val Brembilla, Sedrina, Taleggio, Ubiale Clanezzo, Vedeseta, Blello, Moggio, Cassina Valsassina, Cremeno e Pasturo. Un patto trasversale ai territori (quattro valli delle province di Bergamo e Lecco), finanziato da Regione Lombardia con un contributo di 360 mila euro, utilizzato in parte per incentivare le imprese private del comparto turistico e commerciale negli investimenti (sono stati accordati oltre 102 mila euro di contributo per far fronte a più di 200 mila euro di investimenti), in parte per promuovere l’attrattività ed aumentare i servizi a disposizione dell’utenza turistica e commerciale.

Proprio in questa seconda sfaccettatura rientra il percorso di strutturazione di una rete di free wifi, un investimento di oltre 60 mila euro. Il servizio permette di accedere liberamente ad internet in alcuni punti del territorio, a partire dal mese di maggio 2016. Semplice e immediato l’utilizzo: basta recarsi in un’area coperta dal servizio ed avere la configurazione di rete wireless in configurazione automatica e selezionare la rete. Al primo accesso è necessario registrarsi tramite procedura che fornisce le credenziali via sms oppure tramite account Facebook. Ad indicare le aree d’accesso, l’apposizione di specifici cartelli con il logo del distretto dell’attrattività. Unica limitazione: l’accesso è consentito gratuitamente per 180 minuti al giorno, utilizzabili anche in più collegamenti mentre è prevista la disconnessione automatica dopo 10 minuti di inattività. Un servizio innovativo e particolarmente utile, soprattutto in funzione dell’estensione territoriale, che si aggiunge alle tante azioni che il distretto dell’attrattività ha completato e va completando in questo periodo: l’educational riservato ai giornalisti, il primo festival dello storytelling, la strutturazione di una nuova applicazione digitale e di un portale web, la realizzazione di un filmato in realtà virtuale (che sarà disponibile a breve), la trasposizione di tutti i contenuti digitali in E015, l’organizzazione della kermesse Sapori&Cultura su scala distrettuale, la produzione di brochure cartacee per venire incontro alle esigenze informative anche dell’utenza meno propensa al digitale, oltre al bando per le imprese private, che è stato affiancato da un importante percorso di formazione indirizzato alle imprese stesse, a titolo totalmente gratuito.

A tirare le fila del progetto – affiancato dai consulenti di Saef Srl, società specializzata in questo tipo di attività -, il comune di Zogno, in quanto capofila, attraverso l’Assessorato al Commercio guidato dal vicesindaco, Giampaolo Pesenti: «Il nostro distretto ha tenuto esattamente fede al piano di intervento finanziato dalla Regione Lombardia – ha spiegato il vicesindaco Pesenti-. Abbiamo volto molte azioni di promozione e gestione del territorio destinate a dare frutti immediati ma anche futuri. Con questi nuovi servizi crediamo di avere migliorato significativamente la qualità del tempo che turisti e utenti possono passare nel nostro territorio. Proprio come regione Lombardia ha chiesto di fare con questo specifico bando».

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli