Cerca
Close this search box.
Venerdì 9 e sabato 10 giugno a Bergamo, neuroscienze e arte in dialogo

Venerdì 9 e sabato 10 giugno a Bergamo, neuroscienze e arte in dialogo

Venerdì 9 e sabato 10 giugno, neuroscienziati, psicologi e storici dell’arte interverranno a Bergamo per una due giorni sulle ultime ricerche sulla psicologia dell’arte e sui correlati neurali dell’esperienza estetica studiati con tecniche di neuroimmagine, elettrofisiologia e stimolazione cerebrale.

Ma non sarà un evento esclusivamente per esperti del settore perché, a margine del 1st Meeting on Psychology, Art and Neuroaesthetics organizzato dall’Università degli studi di Bergamo e dall’Associazione Italiana Psicologia (AIP), è prevista un’iniziativa aperta a un pubblico più ampio in cui si parlerà di cosa accade nel nostro cervello quando contempliamo un’opera d’arte o vediamo qualcuno danzare, o ascoltiamo la nostra musica preferita. O ancora, di cosa significa contemplare un quadro in un museo rispetto a vederlo sullo schermo del computer durante visite virtuali, di creatività e di intelligenza artificiale.

Zaira Cattaneo, docente di neuroscienze cognitive ed esperta di neuroestetica del Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università degli studi di Bergamo anticipa: “L’idea è di mettere in dialogo la scienza e l’arte. Con Out of the Lab, progetto di Public Engagement organizzato dal Dipartimento di Scienze Umane e Sociali in collaborazione con il Dipartimento di Lettere, Filosofia, Comunicazione, vogliamo portare la ricerca neuroscientifica sull’arte e la creatività fuori dal laboratorio. L’idea è divulgare in maniera fortemente interattiva i risultati della ricerca neuroscientifica in un ambito appassionante che ha importanti risvolti sociali: si pensi alla necessità di promuovere e valorizzare la creatività nei contesti educativi, o al ruolo critico che l’arte assume in disturbi neurologici o psichiatrici come forma preservata di espressione di sé”.

Su questi temi l’evento porterà in dialogo neuroscienziati, pedagogisti, storici dell’arte, musicisti e artisti e vedrà il coinvolgimento diretto di docenti e studenti del Politecnico delle Arti di Bergamo, dell’associazione culturale ABC-Allegra Brigata Cinematica, dell’Associazione Italiana Psicologia e di Confcooperative Bergamo. Passeggiando in Aula Magna, i visitatori potranno leggere poster che descrivono le ricerche di neuroscienziati, ammirare le opere di giovani artisti, immergersi nella danza, ma anche cimentarsi – assistiti da studiosi AIP – in illusioni scientifiche percettive ben note agli artisti. Un’occasione per UniBg di confrontarsi con i cittadini in una prospettiva del tutto nuova e sperimentale.

Il venerdì alle 18, il dialogo tra scienza e arte farà una breve pausa per un aperitivo nel chiostro grande di Sant’Agostino: anche il cervello ogni tanto ha bisogno di rilassarsi e lasciare spazio alla convivialità!

Per info:

Psychology, Art and Neuroaesthetics – 1st Scientific Meeting
https://dsus.unibg.it/it/eventi/psychology-art-and-neuroaesthetics-1st-scientific-meeting

Out of the Lab. Neuroscienze e arte – Public Engagement
https://dsus.unibg.it/it/eventi/out-of-the-lab-neuroscienze-e-arte

Condividi:

Ultimi Articoli

tram447

A Brescia si decide per il tram

Mentre a Bergamo sono da tempo iniziati i lavori per la realizzazione della seconda linea T2 del tram delle valli ed esattamente quello che collegherà

Annunci “CHI CERCA TROVA CHI CERCA”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23.06.2024   Sul sito del nostro quotidiano online (www.montagneepaesi.com) è pubblicata un’apposita rubrica dedicata gli annunci. E’ possibile inviare il testo dell’annuncio che