abbonamento musei tessera

Vendute più di 48500 tessere per i musei

Grande soddisfazione da parte dell’Assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini in merito al superamento delle 48500 tessere vendute per l’accesso ai musei lombardi grazie al progetto ‘Abbonamento Musei’. La card permette l’accesso, per tutte le volte che una persona lo desidera, a oltre 120 istituti culturali lombardi al prezzo massimo di 45 euro per 365 giorni all’anno.
“In questi 5 anni – ha ricordato l’assessore – abbiamo lavorato intensamente per la nostra cultura e per renderla il più possibile conosciuta, apprezzata e accessibile a tutti”. “Abbiamo un patrimonio straordinario – ha continuato – ricco di musei e case d’artista, di palazzi, ville e castelli, di chiese e santuari, di identità e tradizioni, di saper fare, professionalità e potenzialità da coltivare sempre di più. L’Abbonamento Musei ha permesso una maggiore fruizione dei beni e dei luoghi dei nostri territori, rendendo possibile una ‘cultura per tutti’, e i risultati ci hanno dato ragione”. Nel 2017 sono state registrate oltre 100.000 presenze che diventano quasi 170.000 dall’inizio del progetto. “Un altro dato sorprendente – ha spiegato – riguarda il numero di ingressi reiterati, cioè dei visitatori che, apprezzando un dato museo o un istituto culturale, decidono di tornarci più volte. Il numero di questo tipo di ingressi dall’inizio del progetto ha superato quota 30.000”. “Inoltre – ha ricordato – sono stati visitati 126 musei”.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Zogno, si chiude la Castagnamo

Domenica 28 a Zogno si conclude con Castagnamo la tredicesima edizione della rassegna gastronomica- culturale Sapori & Cultura inaugurata a inizio ottobre. Un  appuntamento –

Voglia di musica in Valle Camonica

Nascerà la banda musicale giovanile della provincia di Brescia dell’Associazione nazionale bande musicali, Anbima? E’ presto per dirlo, ma ci sono già i presupposti perché