Croce ricostruzione

Udienza preliminare per la morte di Marco Gusmini

Udienza preliminare questo giovedì in Tribunale a Brescia per la morte di Marco Gusmini, il ragazzo di 21 anni di Lovere rimasto ucciso dal crollo della croce del papa a Cevo, avvenuto il 24 aprile 2014 poco dopo le 14.00.

Marco era sul Dosso dell’Androla con gli amici dell’oratorio di Lovere, guidati da Don Claudio Laffranchini, per una giornata di preghiera e gioia in preparazione alla canonizzazione di Giovanni Paolo II del giorno successivo a Roma. Inizialmente le persone coinvolte nell’indagine erano 13 che i il pm Katy Bressanelli ha iscritto nel registro degli indagati, di queste 8 sono uscite dall’indagine; contro 7 di questi la famiglia di Marco ha ricorso: il 16 settembre si è tenuta l’udienza di questo processo e si attende la decisione del Giudice Alessandra Sbbatucci in merito. L’udienza preliminare di questo giovedì coinvolgeva l’attuale Sindaco di Cevo Silvio Citroni, il suo predecessore Mauro Bazzana, sindaco di Cevo nel 2005 quando venne posata la Croce di Enrico Job; Marco Maffessoli, presidente dell’associazione culturale proprietaria della “Croce del Papa”; Ivan Scolari, tecnico comunale; Renato Zanoni progettista. Nelle due precedenti udienze, del 19 maggio e 14 luglio si era stabilita la possibilità di arrivare ad un risarcimento richiesto dalla famiglia del ragazzo. Le novità di questo giovedì sono l’aver preso atto che nei giorni scorsi la famiglia è stata risarcita con una somma di 700.000 euro da parte dell’Assicurazione del Comune di Cevo. Le parti civili escono dunque soddisfatte dal processo per l’accordo raggiunto. La famiglia di Marco Gusmini ha già lasciato intendere che destinerà la soma in beneficenza. Il pagamento del risarcimento alla famiglia a questo punto solleva tutti gli imputati da ogni responsabilità economica, ivi compresi gli altri 7 se venissero coinvolti nel processo. Per quanto riguarda la posizione dei 5 imputati si registra la richiesta di patteggiamento al PM da parte dei legali dell’attuale sindaco di Cevo, Silvio Citroni. Per gli altri 4 imputati, Mauro Bazzana, Ivan Scolari hanno chiesto il rito abbreviato, mentre Marco Maffessoli, presidente dell’associazione culturale Croce del Papa e Renato Zanoni, progettista della croce, non hanno chiesto riti alternativi. La prossima udienza è stata fissata al 15 dicembre alle ore 9.30 dove il Giudice Carlo Bianchetti dovrebbe pronunciarsi sul patteggiamento del Sindaco di Cevo e mettere a calendario le udienze successive per gli altri imputati.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Andamento occupazione nella bergamasca

Rispetto alle previsioni, la fine del congelamento dei licenziamenti non ha provocato gli effetti negativi che preoccupavano gli imprenditori del terziario di Bergamo nei mesi

Natale ad Ambivere

Si avvicinano le feste natalizie e, puntualmente, tornano, per la gioia di grandi e piccini, le belle iniziative organizzate dall’amministrazione comunale di Ambivere, da sempre