Ufficio Turistico1

Turismo, 5,8 mln di euro per rilanciare gli infopoint

Gli Infopoint turistici della Lombardia saranno interessati da un progetto di rilancio senza precedenti. Dalla Regione 5,8 milioni per creare nuove strutture e riqualificare quelle esistenti.

Gli Infopoint turistici della Lombardia saranno interessati da un progetto di rilancio senza precedenti: abbiamo infatti creato un nuovo logo, una rinnovata immagine coordinata e quattro diverse tipologie di uffici; abbiamo poi previsto l’apertura anche ai privati e l’introduzione di nuovi servizi innovativi e, soprattutto, stanziato più di 5,8 milioni di euro per creare nuove strutture e riqualificare quelle esistenti”. Lo ha detto Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia, anticipando le novità che riguarderanno le strutture regionali di informazione e accoglienza turistica.

5,8 MILIONI PER RILANCIO – “Questo ambizioso progetto di rilancio – ha spiegato l’assessore – inizierà con una prima ricognizione delle strutture esistenti e delle esigenze del territorio per poi pianificare via via gli interventi in maniere sussidiaria e realizzare una rete di Infopoint, capillare ed omogena, in grado di promuovere al meglio le aree turistiche e soddisfare le esigenze di turisti e viaggiatori”.

NUOVO LOGO – “Queste strutture – ha sottolineato – sono infatti la porta d’ingresso alle destinazioni turistiche, la prima tappa di un percorso dentro la nostra regione che deve essere contraddistinta da una rinnovata professionalità e ricchezza di informazioni, ma anche da riconoscibilità e coerenza d’immagine. Per questo abbiamo innanzitutto scelto un nuovo logo attraverso un contest curato dalla nostra società di promozione turistica, in collaborazione con l’Associazione per il disegno industriale, ADI, nel quale sono stati presentati ben 84 progetti”.

APERTURA AI PRIVATI – “Sentendo anche gli Enti locali, le associazioni di categoria e i protagonisti della filiera del turismo – ha spiegato il titolare regionale con delega al Turismo – abbiamo poi deciso di alzare gli standard qualitativi dei servizi di accoglienza e di integrarli e coordinarli in una rete regionale come previsto dalla nostra nuova legge, aprendo inoltre la possibilità di svolgere questa attività ad enti pubblici associati, a partenariati pubblico – privato e a soggetti privati, comprese le agenzie di viaggio che in questa nuova funzione possono trovare un’opportunità di sviluppo in un momento di crisi per questo genere di attività”.

CAMBIO DI PASSO – “Durante questa legislatura – ha concluso Parolini – abbiamo impresso una forte accelerazione al turismo: c’è una nuova legge, un impegno economico di oltre 60 milioni di euro per valorizzarlo, un nuovo modo di gestirlo e, soprattutto, una più moderna ed organica strategia di promozione della destinazione Lombardia grazie anche alla società Explora, che è diventata a pieno titolo la nostra Destination Management Organization. Ora il cambio di passo coinvolge anche gli uffici per l’informazione e l’accoglienza turistica, che vogliamo più moderni, aperti e più efficienti. Gli Infopoint devono infatti fornire informazioni su tutte le destinazioni e le esperienze turistiche lombarde, servizi e assistenza ai turisti perché si sentano accolti, informati e aiutati”.

 


Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli