Carabinieri 21 640x360

Trovato morto nella casa del dramma di Ono S. Pietro

Un 44enne è sttao trovato senza vita nella casa dove risiedeva da un paio di anni ad Ono San Pietro, la stessa casa dove sei anni fa, il 13 luglio 2013, Paquale Iacovone uccise i suoi due figli, Andrea e Davide.

Le indagini dei carabinieri della compagnia di Breno coordinate dalla procura di Brescia fano pensare ad una morte per overdose: ma a chiarire le cause del decesso sospetto sarà l’autopsia sul corpo dell’uomo, originario di Borno e dipendente di un supermercato della zona. I carabinieri stanno sentendo amici e familiari per capire se l’uomo facesso uso di sostanze stupefacenti, anche se i dubbi sulle cause della morte sembrano essere poche. Si esclude che il 44enne sia morto per mano di qualcuno e di morte violenta o l’ipotesi dell’omicidio. L’uomo viveva da solo e pare che a scoprire l’accaduto sia stato il titolare di un’impresa di pompe funebri con cui il 44enne ogni tanto collaborava.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Arte medievale nelle Alpi

La Società Storica e Antropologica di Valle Camonica organizza il X convegno I.S.T.A. (Incontri per lo Studio dei Territori Alpini) dal titolo “Arte medievale nelle

Uccisa a colpi di martello

Ancora violenza ai danni di una donna bresciana uccisa a martellate. Enzo Galesi 59enne tempo fa aveva avuto una relazione con Elena Casanova di 41