Infortunio trebbiatrice

Travolto dalla trebbiatrice perde un braccio e una gamba

Carolino Mazzucchelli, 61 anni, residente a Boario Terme, è l’uomo rimasto gravemente ferito dopo essere finito tra le lame di una trebbiatrice che stava falciando il campo e ha perso gamba e avambraccio sinistro ed è stato ricoverato in condizioni critiche al Civile di Brescia.

E’ stato dilaniato da una trebbiatrice mentre, accovacciato tra il granoturco, era appostato per una battuta di caccia. Sulla dinamica indagano i Carabinieri di Artogne, intervenuti sul posto insieme ai Vigili del fuoco di Boario Terme, all’ambulanza di Santa Maria Assunta di Pisogne e all’elicottero del 118 di Sondrio. L’agricoltore che era alla guida del mezzo è stato colto da malore e trasportato all’ospedale di Esine, dove è stato dimesso in serata. Stando ad una prima ricostruzione pare che Carolino Mazzucchelli, intento ad una battuta di caccia, si fosse addentrato nel campo di granturco e si sarebbe accovacciato tra le canne e, con tutta probabilità, si era anche infilato nelle orecchie due tappi di gomma per attutire il rumore di un eventuale sparo. Non si sarebbe quindi accorto che poco lontano era in azione una trebbiatrice industriale da cui è stato travolto e dilaniato dalle lame che gli hanno tranciato gamba e avambraccio sinistro. L’uomo alla guida della trebbiatrice si è accorto della presenza del cacciatore solo quando il mezzo agricolo si è bloccato. Immediati i soccorsi durante i quali il 61enne è rimasto cosciente ed è stato trasferito trasferito in volo al Civile di Brescia dove è stato ricoverato in gravi condizioni ed in prognosi riservata. Carolino Mazzucchelli, originario di Costa Volpino, vive nell’appartamento del custode dell’Archeopark di Boario Terme, dove lavora da molti anni.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare