TRaffico carburanti

Traffico di carburanti tra Napoli, Slovenia e Franciacorta

Le Direzioni investigative antimafia di Napoli e di Brescia stanno indagando su ben 15 persone accusate a vario titolo di associazione di stampo mafioso finalizzato al contrabbando di carburante e alla commissione di numerosi reati fiscali, dalla falsa fatturazione al riciclaggio.

Si tratterebbe dell’ultimo filone di una maxi inchiesta a livello nazionale che coinvolge quattro Procure e le cui redini sono affidate alla Direzione nazionale antimafia. Tre dei quattro coinvolti nell’indagine bresciana coordinata dal procuratore aggiunto Sandro Raimondi e dal sostituto Paolo Savio sono imprenditori operanti tra Palazzolo e la Franciacorta e attivi nei settori dell’energia, del mercato petrolifero, ma anche della ristorazione. La scorsa settimana gli uomini della Guardia di Finanza hanno effettuato perquisizioni e sequestri in uffici, abitazioni e locali tra la Franciacorta e Napoli. Secondo quanto raccolto dagli inquirenti il gruppo acquistava carburante dalla Slovenia, lo importava in Italia vendendolo nel circuito delle pompe bianche, ovvero le stazioni di servizio indipendenti che non fanno parte del cartello delle compagnie di distribuzione di carburante più note, che sono comunque risultate estranee all’inchiesta. Il giro permetteva di mettere sul mercato gasolio a prezzo molto più basso rispetto ai concorrenti. Il carburante sarebbe finito in diverse stazioni di servizio di Franciacorta e Ovest Bresciano. In provincia di Milano è stato rintracciato un deposito nascosto dove veniva stipata la benzina che veniva acquistata all’estero, mentre alcune società «cartiere», usate per emettere false fatture, sono state individuate a Milano e Napoli. La regia del traffico illecito di carburante sarebbe nelle mani di importanti esponenti della camorra, già condannati per reati specifici, e che avrebbero contatti diretti con i tre imprenditori bresciani indagati che, stando all’inchiesta, risulterebbero i prestanome dei campani al nord. Agli atti dell’inchiesta ci sono anche compravendite di immobili: acquisti in contanti effettuati a Brescia da soggetti legati alla camorra per una indagine solo all’inizio sul territorio bresciano. Intanto, dopo i vari sequestri effettuati emessi dalla Procura, è stato impugnato proprio davanti al Riesame di Brescia dai legali dei quattro coinvolti che ora attendono il pronunciamento del Tribunale della Libertà atteso per oggi. Gli avvocati hanno chiesto l’annullamento dei sequestri

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli