2391842 1606 img 20170420 wa0038

Torna dalla gita con una granata

La famiglia accortasi del souvenir riportato a casa dall’uomo ha chiamato d’urgenza la Polizia locale.

La zona è stata immediatamente sgomberata , lasciando preoccupazione e ansia nella mente delle venticinque famiglie limitrofi, per permettere il brillamento in sicurezza dell’ordigno: questi gli ingredienti di una storia surreale.

Il tutto è accaduto Lunedi 13 Settembre nel primo pomeriggio sulle sponde del Garda.
Un cittadino residente a Calvagese ha portato a casa l’ordigno che aveva trovato nel corso di una gita. L’ha appoggiato sotto il porticato di casa, attirando così la curiosità dei parenti che hanno chiamato le forze dell’ordine.

Gli agenti del comandante Stefano Dondelli si sono subito recati sul posto e hanno potuto verificare che si trattava di una granata d’artiglieria.

Il sindaco ha ordinato lo sgombero di tutta la zona e, proprio dietro ordine della prefettura, il decimo Reggimento genio guastatori di Cremona ha prima rimosso, poi fatto brillare alla cava Moreni l’ordigno, classificato come granata d’artiglieria da 149mm ad alto potenziale esplosivo.

Dell’accaduto è stata informata la Procura, chiamata ora a valutare eventuali reati.

 

 

(immagini di repertorio)

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare