Volevo solo leggereedizioni sahel

“Spazio al Giovedì”, a Gandino si parte con “Volevo solo leggere”

Il comune denominatore di organizzatori e protagonista è senza dubbio la giovane età, unita a competenze importanti che vanno di pari passo con la voglia di impegnarsi nella vita e nel tempo libero. E’ in programma Giovedì 22 febbraio 2018 alle 20.45 nella sala conferenze della Biblioteca comunale Brignone di Gandino la serata inaugurale di “Spazio al Giovedì”, organizzata dalla Commissione Cultura del Comune di Gandino. La Commissione, coordinata dall’assessore Mariangela Rudelli e presieduta da Priscilla Spampatti, è composta dai giovani Nicolò Bassi, Cristina Bertasa, Pietro Granati, Alessandro Moro e Fabio Campana.

“La volontà – spiegano gli organizzatori – è creare una serie di appuntamenti culturali di diversa natura, che creino collegamenti virtuosi all’interno del paese e della Valle, stimolando al tempo stesso interessi e curiosità i più disparati. Creare occasioni d’incontro, confronto e conoscenza è il primo passo per favorire in ogni campo progetti nuovi e motivati”.

La prima serata è dedicata al libro “Volevo solo leggere”, edito nel 2017 da Edizioni Sahel, che già nel 2015 aveva supportato in Val Gandino la fortunata edizione di “Chicco Spinato”, il fumetto “ecosostenibile” realizzato in occasione di Expo Milano 2015. Il volume è opera della giovane psicologa leffese Cristina Bertasa, che è autrice anche delle pregevoli illustrazioni. E’ la storia di un bambino con difficoltà di lettura, che si smarrisce dopo la diagnosi di dislessia, trovando aiuto nel proprio orsacchiotto che prende vita. Il libro è un messaggio di speranza e di affetto convinto per i bambini con disturbi dell’apprendimento, per le loro famiglie ed i loro insegnanti. La serata è ad ingresso libero.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare