Leonardo Brioni.jpg

Solza piange il giovane Leonardo Brioni

E’ Leonardo Brioni di Solza la giovane vittima dell’incidente stradale avvenuto poco dopo le 3.30 a Clusane d’Iseo: l’auto ha preso la tangente alla curva verso destra ed è finita ad alta velocità contro un palo della luce, attorno al quale si è accartocciata. Il ragazzo, giovane ingegnere, è morto sul colpo.

Grave incidente stradale con una giovane vittima in via Risorgimento a Clusane di Iseo, il tratto della ex-Provinciale 12, attorno alle 3.45 di questo sabato 26 gennaio: una Ford condotta da Leonardo Brioni 24enne, neolaureato ingegnere, residente a Solza in provincia di Bergamo, mentre procedeva da Paratico verso Iseo nell’affrontare un’ampia curva verso destra è uscita lungo la tangente, ha urtato violentemente contro il cordolo del viale controlaterale riservato e bici e pedoni ed ha finito la sua folle corsa contro un palo dell’illuminazione pubblica attorno al quale l’auto si è letteralmente accartocciata. L’urto non ha lasciato scampo al 24enne che era al volante: troppo gravi le lesioni riportate e inutile ogni tentativo dei soccorritori del 118 della Croce rossa di Iseo con il Medico dell’automedica di rianimare il giovane. Sul posto sono giunti anche i Vigili del Fuoco volontari di Sale Marasino con gli agenti della Polstrada di Iseo. Lunghe e delicate le operazioni di recupero della salma del giovane, incastrata nel groviglio di lamiere dell’auto e trasportata quindi all’obitorio di Iseo dove sono giunti i genitori informati dalla Polizia stradale, quindi del recupero dell’auto e della messa in sicurezza della zona con la rimozione dei detriti sparsi ovunque e della bonifica del manto stradale dagli oli combustibili. In tarda mattinata il Magistrato di turno ha concesso il nulla osta per il rientro della salma di Leonardo a Solza, dove nell’abitazione della mamma in via Dante Alighieri è stata allestita la camera ardente. Questa domenica alle 20.30 ci sarà la veglia funebre; il funerale sarà celebrato lunedì 28 gennaio alle 14.30 nella chiesa parrocchiale di S. Giorgio a Solza. Leonardo era figlio unico: lascia la mamma Daniela ed il papà Osvaldo, che vive a Cortefranca in Franciacorta.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare