auto lago.jpg

Slitta il recupero dell’auto con scheletro nel lago a Tavernola

Slitta di alcuni giorni il recupero dalle acque del lago d’Iseo della Ford Fiesta all’interno della quale alcuni sub avevano visto uno scheletro (Foto: Eco di Bergamo).

I Carabinieri del nucleo sommozzatori di Genova e la Marina militare di La Spezia nella giornata di lunedì 2 settembre hanno immerso per quattro volte il robot subacqueo nelle acque di Tavernola Bergamasca, ma le operazioni si sono rivelate più complesse del previsto e sono state sospese dato che l’auto si trova a 80 metri di profondità, con il muso rivolto verso il fondale del lago. Il numero di targa della vettura porterebbe a Rosario Tilotta, nato in Tunisia ma cresciuto in Sicilia, scomparso a 59 anni nel 2004 dalla sua abitazione di Scanzorosciate vicino. Ora sono attesi gli uomini del Gos, personale specializzato del gruppo operativo subacquei della Marina da La Spezia, che procederanno al recupero del veicolo, usando palloni speciali, per non compromettere l’integrità dell’auto in vista dei rilievi e accertamenti indispensabili alle indagini, finalizzate ad identificare la moglie dell’uomo, quella Eva Kurti, albanese di trent’anni più giovane del marito ripartita per l’Albania pochi mesi dopo la sparizione dell’uomo. Ma si indaga seguendo anche altre strade dopo che il fratello di Rosario Tilotta avrebbe espresso multi dubbi sui suoi affari.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli