mani

Si deformano le mani di cera di Papa Giovanni XXIII, preoccupazione in Vaticano

In Curia minimizzano, ma in Vaticano sono preoccupati: lo strato di cera che avvolge le mani di Papa Giovanni XXIII, tornato nella sua Bergamo da santo, in una teca sotto gas, si sono deformate. «La lastra di cera che le copre è più sottile e lavorata – spiega monsignor Giulio della Vite, segretario generale della Diocesi -, stando al sole, col riverbero del plexiglass, si è surriscaldata. Avevamo messo ghiaccio secco sotto l’urna, ma non avevamo calcolato tutta la gente che si è assiepata lungo il tragitto, e che ci ha costretto ad andare a passo d’uomo da Seriate a Bergamo».

Anche il vescovo di Bergamo Francesco Beschi, durante la veglia in Cattedrale, scrive il Corriere, aveva accennato a «problemi alle mani».


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Clusone, la città dei balocchi

Sabato 4 dicembre in occasione della Notte Bianca, Comune di Clusone e Turismo Pro Clusone presentano “Clusone, la città dei balocchi“. A partire dal pomeriggio

Selvino, si avvicina il Natale

Dal 4 dicembre nel cuore di Selvino si accende Il Natale con Il Natale a 1000: mercatini tradizionali e iniziative natalizie per bambini e adulti