7

«Se il sole è una palla», Lara Bizzarri vince il S.Pellegrino Festival di Poesia

Nei giorni scorsi le scuole-giuria del festival di poesia dei e per i bambini hanno completato la lettura e la valutazione delle cinque poesie finaliste del concorso degli adulti. Guidati dai loro docenti i 463 alunni delle 26 classi (dalla terza elementare alla prima media) hanno espresso le loro preferenze scegliendo la poesia della poetessa Lara Bizzarri come vincitrice del festival, dal titolo “Se il sole è una palla”.

 

LA VINCITRICE

[bt_slider uid=”1519635982-5a93ce0ed8dc4″ target=”_blank” width=”0″ crop=”no” thumbnail_width=”800″ thumbnail_height=”600″ show_title=”no” centered=”yes” arrows=”yes” pagination=”bullet” autoplay=”5000″ speed=”600″][bt_image src=”images/bt-shortcode/upload/Lara Bizzarri.JPG” title=”Lara Bizzarri.JPG” link=”” parent_tag=”slider”][/bt_slider]

La poetessa vincitrice del concorso, Lara Bizzarri, è nata nel 1981 in provincia di Bologna. Scrive poesie dai tempi delle scuole elementari; allora pronunciava poche parole e quello che riusciva a dire lo diceva tramite carta e penna. Da qualche anno si diverte a scrivere favole per bambini e racconti brevi e ha da poco terminato un romanzo, prossimo alla pubblicazione. Nel 2016 ha vinto il Concorso Letterario Nazionale Guido Zucchi e negli ultimi anni ha conseguito altri riconoscimenti in concorsi letterari. Ha operato come educatrice nella scuola e nell’ambito dei servizi sociali.

Per la categoria adulti hanno partecipato 159 poeti con 183 poesie, provenienti da 140 città diverse dell’Italia.

Nelle settimane scorse il Festival ha proposto alle classi-giuria l’esperienza di un approccio diverso dal solito alle cose della vita quotidiana: Luì Angelini ha messo in moto un vero e proprio “teatro d’oggetti”, sollecitando la fantasia dei bambini a leggere le cose con uno sguardo originale che ha aperto prospettive e potenzialità nuove. Venerdì 9 febbraio 2018 presso il teatro dell’oratorio di San Giovanni Bianco Angelini ha raccontato le favole più conosciute, usando gli oggetti recuperati dalla vita quotidiana (tubi di plastica, bamboline, viti e dadi, annaffiatoi, spugne, contenitori alimentari): Cenerentola, Il fagiolo magico, I tre porcellini ed altre ancora. Le immagini create dagli oggetti sottratti alla loro normale destinazione si sono colorate di ironia e hanno formato un contesto narrativo ricco di evocazioni e di possibilità di ulteriori sviluppi. Il testo, pur scorrendo fedele alle storie originali, le ha riscritte, attualizzandole con semplici riferimenti all’oggi e divertenti giochi verbali.

In questi giorni la giuria tecnica, scelti i vincitori del festival per la componente bambini e ragazzi, comunicherà ai docenti e alle scuole i risultati del concorso. La premiazione dei vincitori, presentati dalla poetessa Giusi Quarenghi, si svolgerà nel Teatro del Casinò di San Pellegrino Terme alle ore 16 di sabato 24 marzo 2018.


 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

Messa per i bergamaschi nel mondo

Un momento di preghiera e di riflessione comunitaria, anche online, per tutti i bergamaschi all’estero. In occasione delle imminenti festività natalizie, l’Ente Bergamaschi nel Mondo