Sallaku torna in Italia: accolta la richiesta dalla Corte d’appello

Lo ha deciso la Corte d’appello di Brescia che ha accolto la richiesta dello stesso: torna in Italia Gezim Sallaku, l’ex patron del Darfo calcio espulso perché ritenuto “socialmente pericoloso”. Gezim torna in Italia per restarci almeno sino al compimento del 18° compleanno del figlio ancora minorenne. La terza sezione “minori” della Corte d’appello ha accolto il ricorso e a breve il quarantottenne imprenditore dovrebbe tornare in Italia nella sua casa a Sale Marasino. Al centro di diverse inchieste della Procura di Brescia, ma al momento condannato solamente per una bancarotta, Sallaku ha usufruito del diritto di suo figlio diciassettenne di vivere con il padre e con entrambi i genitori e di non essere sradicato dal Paese dove vive da quando è nato. “E’ errato ritenere che i precedenti penali di per sé ostativi al rilascio di un permesso di soggiorno e va evidenziato che ciò che deve essere posto al centro delle valutazioni è lo stato di benessere psicofisico dei minori, il danno che deriverebbe loro dal mancato accoglimento dell’autorizzazione a rimanere in Italia per accudire un figlio minore e la natura e qualità delle relazioni tra i minori e il richiedente”, scrive la Corte d’appello.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli