Premio S. Obizio

S. Obizio premia un camuno per la lotta alla malaria

Il premio S. Obizio 2017 verrà attribuito al giovane ricercatore camuno Luca Piccoli, originario di Borno, con una importante laurea in scienze biomediche ottenuta a Pavia con 110 su 110 con lode, co-primo autore dello studio su un nuovo tipo di anticorpi che riconoscono diversi parassiti della malaria.

Lo studio del team di cui Piccoli fa parte ha identificato nuovi  anticorpi in grado di allertare il sistema immunitario per rimuovere e distruggere le cellule infettate dai parassiti e rappresentano quindi un nuovo strumento per combattere la malaria. Lo studio pare anche una nuova strada per sviluppare un vaccino in grado di proteggere dalla malattia. La commissione del Premio ha voluto riaffermare il ruolo di alto livello di personalità camune nella cultura a tutto campo e, per la prima volta, il ruolo di un giovane che ottiene un premio di grande prestigio e per il quale le candidature ogni anno sono numerose. Con particolare orgoglio nella conferenza stampa di presentazione del premio 2017 è stato sottolineato dalla professoressa Simona Ferrarini che Luca Piccoli era studente del Liceo Golgi di Breno da cui uscì con il massimo dei voti, avendo già individuato in modo molto chiaro il suo percorso futuro. Segnale forte, questo, per tutti i giovani che possono, impegnandosi seriamente, arrivare a traguardi di alto livello in Italia e nel mondo. Negli ultimi anni il premio S. Obizioo è stato assegnato nel 2008 a Franco Solina, nel 2009 a Elena e Nadia Fanchini, nel 2010 a Don Fausto Murachelli, nel 2011 a Carla Bino, nel 2012 a Gianni De Giuli alla memoria e nel 2013 a Mario Farisé alla memoria, quindi nel 2014 al Coro Voci dalla Rocca, nel 2015 a Silvia Spadacini e nel 2016 a Mimmo Franzinelli. In precedenza anche Romain Zaleski, Silvio Garattini, Mons, Vittorio Bonomelli ed il Cardinale Giovanni Battista Re sono stati insigniti del prestigioso premio. La cerimonia di consegna del S. Obizio 2017 si terrà sabato 6 maggio alle 15.00 nella sede dei Corazzieri di S. Obizio presso la casa Natale del beato Innocenzo.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli