Rogo distrugge la Cotonella a Sonico

Un furioso incendio ha distrutto la sede della Cotonella a Sonico: fiamme altissime fumo acre erano presenti nella piana di Edolo: un incendio tra i più distruttivi degli ultimi anni in tutta la Valle Camonica.

Il capannone di via Edison che ospita gli uffici e il magazzino dell’azienda che commercializza e produce abbigliamento intimo e filati di cotone, è andato in cenere quando, ieri sera poco dopo le 19, si sono levate alte le fiamme. Una trentina di Vigili del fuoco hanno lavorato per tutta la notte per cercare di domare l’incendio: i danni sarebbero rilevanti: in fumo sono andati oltre 1.000 m² di tetto e altrettanti della superficie adibita a magazzino, dove erano stoccati quintali di articoli di abbigliamento intimo. Solo dopo aver domato le fiamme e bonificato il capannone, i Vigili del fuoco potranno ricercare le cause per far luce su quanto accaduto e da dove sia scaturito il rogo. Fortunatamente non sono stati rilevati né feriti, nè intossicati visto che le fiamme si sono attivate quando in azienda non c’era più nessuno. A lanciare l’allarme sono stati alcuni residenti e i clienti del vicino centro commerciale, che hanno notato del denso fumo salire dall’ala nord del capannone e quando i vigili del fuoco sono giunti sul posto, le fiamme si erano già propagate a tutto l’edificio. Per avere ragione del rogo sono intervenuti militi dei distaccamenti di Boario Terme, Breno, Edolo e Vezza d’Oglio e anche a supporto i colleghi giunti da Brescia. Al lavoro per tutta la notte anche gli uomini della Protezione civile di Sonico e i Carabinieri di Edolo e Breno. Oltre alle autobotti, si è attinta una grande quantità d’acqua dagli idranti fissi posizionati nel parcheggio del centro commerciale e nelle aziende vicine.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

A Rota Imagna 100 bambini ucraini

Dal 20 marzo, Rota d’Imagna, paesino di 900 anime delle valli bergamasche, ospita 100 bambini ucraini. Sono tutti orfani che, forunatamente, sono riusciti a lasciare