olandese annegato

Individuato il corpo di Hendrik Van Homme

È stato individuato questo sabato 3 agosto il corpo di Hendrik Van Homme, l’olandese di trent’anni scomparso nel Sebino martedì 31 luglio presumibilmente attorno alle 14.45 mentre attraversava il lago fra Pisogne e Lovere a bordo di un gonfiabile, trainato dal gommone sul quale viaggiavano 4 persone, tra cui il cognato e la moglie.

Il cadavere è stato individuato a duecento metri di profondità tra la località Grè di Riva di Solto e la Corna Trentapassi. I sommozzatori sono al lavoro per recuperarlo. La tragedia era avvenuta martedì 30 luglio: il 30enne con la moglie, il cognato e due amici era partito dal campeggio Eden di Pisogne dove si trovava con la famiglia per alcuni giorni di vacanza: un gommone a motore ed un gonfiabile al traino, sul quale si trovava Hendrick. Quando sono arrivati a Lovere lui non c’era più: alla corda era rimasto attaccato solo il gonfiabile. La ricostruzione dell’accaduto, con molte lacune e imprecisioni, è stata effettuata dalla moglie e dal cognato del turista disperso. Per i vigili del fuoco a cui è stato affidato il compito di cercare l’uomo l’impresa è diventata più difficile. I vigili del fuoco di Bergamo e i volontari di Lovere hanno setacciato la parte superficiale del lago; i volontari del gruppo pisognese Gruppo Soccorso Sebino hanno nuovamente controllato i canneti e le zone a riva. Le ricerche sono state condotte anche con il robot dotato di telecamera e sonar montato sull’imbarcazione dei Vigili del fuoco di Trento arrivati appositamente sul lago di Iseo per scandagliare i fondali che scendono anche a profondità di oltre duecento metri. Questo sabato la notizia: il copro dello sfortunato turista è stato individuato. Ora inizieranno le difficili operazioni per il recupero.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli