no racism

Ritirano la squadra contro gli insulti razzisti

Igor Trocchia, il mister degli esordienti del Pontisola e il capitano della sua squadra, un 12enne intelligente e già maturo, hanno detto «no racism», no al razzismo. E hanno lasciato alla terza partita un torneo nel quale puntavano ad arrivare a giocarsi la finale.

I motivo è semplice da raccontare, difficile da digerire, ma ricco di uno spirito sportivo grande come il mondo. Durante la partita, sul campo del Rozzano, il 12enne capitano del Pontisola si è rifiutato di stringere la mano ad un avversario che gli stava chiedendo scusa perché gli aveva detto “negro di m…”». I ragazzi di Trocchia si sono seduti in cerchio in mezzo al campo, tra una partita e l’altra, mentre il mister ha appurato con il ragazzo del Rozzano l’accaduto. Trocchia ha trovato sponda e appoggio non solo nel suo responsabile, Luciano Pisoni, ma anche nei genitori dei suoi ragazzi. Il Pontisola, su decisione del mister e dei suoi boys, ha lasciato il torneo. I rozzanesi hanno protestato perché il torneo era rovinato, ma la decisione era presa. I ragazzi si sono cambiati, perché a loro non interessava più giocare manifestando grande solidarietà nei confronti del ragazzino nero di pelle che ha solo 13 anni. Il responsabile del Rozzano Flavio Fiori e il responsabile del Pontisola, Lunciano Pisoni si sono sentiti al telefono per le scuse delle società dopo il grande gesto dei piccoli e di mister Trocchia, un ex attaccante che, appese le scarpette al chiodo, ha deciso di fare l’allenatore. E di farlo bene.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”