Masso Sebina occidentale.jpg

Riaperta la Sebina occidentale sp469

Dopo i lavori di messa in sicurezza, è stata riaperta nel tardo pomeriggio di venerdì 11 gennaio la litoranea 469 Sebina bergamasca, sulla quale era caduto un masso, fortunatamente senza colpire auto in transito, nel tratto tra Predore e Tavernola, poco prima della galleria del Corno.

La strada è rimasta chiusa nella giornata di giovedì 10 gennaio poco dopo le 21.30, ma questo venerdì sera è stata nuovamente aperta al transito. Disagi dunque per i pendolari del Sebino che hanno dovuto affrontare un lungo viaggio per i luoghi di lavoro o per la scuola, passando dalla sponda bresciana oppure dalla Val Cavallina. Dopo l’intervento degli operai dell’impresa incaricata della manutenzione della Sebina Occidentale, che hanno messo in sicurezza il versante sotto la supervisione del geologo della Provincia, Augusto Azzoni, il traffico è ripreso a doppio senso di marcia. In questo fine settimana la strada resterà aperta ma lunedì 14 gennaio sarà aperta solo a senso unico alternato nel tratto dove è caduto il masso, per consentire l’intervento di bonifica con l’imbragatura di un masso instabile che è stato localizzato nella stessa zona.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli