operaio rapito.jpg

Rapito fuori dalla fabbrica e portato nei boschi

Un operaio di 45 anni abitante a Gavardo è stato rapito nella notte tra martedì e mercoledì da un 37enne marocchino, regolare sul territorio italiano. Il sequestratore sarebbe armato di una pistola e si sarebbe diretto, insieme alla vittima, in una zona boschiva tra Gavardo e Villanuova Sul Clisi. I carabinieri gli hanno dato la caccia per tutta la giornata, ma le ricerche, per ora, non sono andate a buon fine (foto: Brescia Today).

Il nordafricano si sarebbe presentato nel piazzale di una ditta di Muscoline dove lavora il 45enne, attorno alla mezzanotte. Tra i due ci sarebbe stato un accesso litigio, poi il 37enne avrebbe puntato una pistola contro l’operaio e lo avrebbe obbligato a salire in auto. Ad allertare le forze dell’ordine sarebbe stato un collega del 45enne, che ha assistito alla scena. Le ricerche si sono concentrate nella zona tra Gavardo e Muscoline, dove sarebbe stata vista per l’ultima volta l’auto con a bordo il nordafricano e l’operaio di Gavardo. Ancora da chiarire il movente. Gli investigatori escludono che dietro il rapimento ci sia la richiesta di denaro. All’origine ci sarebbero motivi personali.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Ultimi Articoli

MULINI MACINA CULTURA

Ci accompagnerà fino alla fine di ottobre Mulini Macina Cultura, la rassegna di eventi che ha preso vita in Valle Camonica lo scorso 4 settembre,

Le tante sorprese di un ghiacciaio

L’Università degli Studi di Brescia e in collaborazione con «Umanesimo artificiale» e «Idee di volumi” ha dato vita a un’iniziativa denominata “un suono in estinzione”